Galleria
Caratteristiche dell'area indagata Le indagini hanno riguardato un bacino di media montagna, della Valle di Susa (Provincia di Torino). Si tratta di un bacino di limitata estensione areale, recentemente coinvolto in processi di trasporto detritico liquido e solido, che hanno determinato il condizionamento di alcune aree urbanizzate, allo sbocco nel fondovalle principale.

I rilievi condotti sul bacino montano
Lungo tutto lo sviluppo del bacino montano sono stati effettuati rilievi geomorfologici, mediante sopralluoghi mirati, orientati alla valutazione del grado di pericolosità e di rischio residui.
Lo studio ha interessato, in particolare:
  • l'esame delle coperture detritiche, sui versanti limitrofi al rio di fondovalle;
  • l'individuazione della franosità, potenzialmente interferente con il corso d'acqua principale;
  • la stima dei volumi di detrito residui, eventualmente ancora rimobilizzabili;
  • le evidenze geomorfologiche di eventuali processi potenziali o in atto.

Risultati ottenuti
  • con l'indagine è stato possibile produrre una prima stima delle volumetrie di detrito tuttora persistenti nell'area e potenzialmente riattivabili;
  • è stata inoltre effettuata una valutazione della pericolosità e del rischio residui;
  • sono state fornite indicazioni per la mitigazione dei rischi verso i settori di fondovalle, mediante l'impiego di opere per la salvaguardia dei bacini montani (opere di trattenuta, oltre a opere per la rettifica della pendenza media dell'alveo e per la riduzione dell'azione erosiva sulle sue sponde).

      
 geomorfologica1   geomorfologica2   geomorfologica3

Siti di prova
indagini e misure sismiche, condotte in vari siti di prova, fra la Provincia di Torino (area del pinerolese) e la Provincia di Cuneo

Metodi impiegati
  • sismica attiva (tecnica MASW);
  • sismica passiva (tecnica ReMi);
  • misure di microtremore a stazione singola (HVSR).

Applicazione dei metodi
  • definizione delle categorie di sottosuolo, in prospettiva sismica;
  • mappatura del modo proprio di vibrare dei terreni, in corrispondenza di siti significativi (per le finalità di pianificazione del territorio);
  • predisposizione di elaborati grafici (Carte delle Microzone Omogenee), finalizzate ad integrare gli studi geologici, di Pianificazione locale.

 
sismica2    sismica3
 
sismica4
 
Opere in progetto
edilizia residenziale multipiano, con annesse aree a destinazione commerciale

Tipologia indagine
  • sondaggi a carotaggio continuo;
  • prove penetrometriche in foro (SPT);
  • prove penetrometriche continue (tipo DPSH);
  • prove sismiche MASW, attive e passive;
  • misure di microtremore ambientale (HVSR).

Obiettivi d'indagine
  • analisi delle criticità geologiche, geomorfologiche e idrogeologiche, del sito di prevista costruzione;
  • definizione della categoria di sottosuolo, ai fini dell'analisi della risposta sismica locale;
  • parametrizzazione geotecnica, dei terreni di fondazione;
  • verifiche di stabilità del sito da costruzione.

collegno2   collegno3   collegno4
 
Siti di prova
tutti i siti di prova si trovano nel Sud del Piemonte, in Provincia di Cuneo.
Gli stendimenti sismici sono localizzati in aree pedecollinari e montane, in particolare in Val Varaita

Finalità
i dati sono utilizzati allo scopo di giungere alla definizione della risposta sismica locale, per gli studi di microzonazione sismica.
In particolare oltre alla caratterizzazione dei sismostrati, per profondità geotecnicamente utili, si è mirato a fornire i classici parametri, richiesti dalla Normativa, fra cui la velocità equivalente Vs30 e la categoria di sottosuolo

Obiettivi d'indagine
- ricerca della presenza di sequenze di sismostrati, responsabili di
  "dispersioni inverse", generalmente associabili a orizzonti litologici  
  con peggiori proprietà geotecniche;
- raffronto fra le misure in sito e i dati litologici da indagini pregresse,
  condotte in zona;
- supporto alla pianificazione territoriale

masw varaita2  masw varaita3  masw varaita4  masw varaita5
Interventi da
realizzare
tratti secondari di linea in media tensione (15 kV), a copertura del fabbisogno energetico di frazioni e piccoli Comuni di bassa e media montagna.
Gli interventi sono concentrati nelle zone montane di Piemonte e Lombardia

Tipologia indagine
  • valutazione di compatibilità fra le linee in progetto e l'assetto geomorfologico e idrogeologico dei siti previsti;
  • indagini geognostiche, per la caratterizzazione dei terreni in corrispondenza degli elementi di linea (cabine di trasformazione e sostegni a palo). 

Obiettivi d'indagine
  • ricostruzione del modello geologico del sito;
  • ricostruzione dell'assetto litostratigrafico locale;
  • monitoraggio dei versanti;
  • parametrizzazione geotecnica dei terreni attraversati.


soana2   soana3   soana4